Comune di Poggio Renatico

Fiume Reno


IL FIUME RENO PROTAGONISTA DELLA STORIA DI POGGIO RENATICO

Il fiume Reno è uno degli elementi portanti della memoria storica di Poggio Renatico e del suo territorio: fonte di vita o di distruzione, con le sue piene e le sue rotte ne ha fortemente influenzato l'assetto urbanistico e architettonico, così come il cammino economico e sociale.    

La sistemazione idrografica di quello che già nel ‘400 il Consiglio dei XII Savi considerava "fiume rapido, et presto de fuga, et di grande acqua" vide per secoli contrapporsi ferraresi e bolognesi. Rilievi, progetti e discussioni di prelati, idraulici e avvocati erano finalizzate a individuare come inalveare il Reno nel Po: estensi e felsinei cercavano di allontanare ciascuno le sue acque dai propri territori.

Questa la principale cronologia:

  

Soltanto dopo l'inalveamento artificiale nel corso attuale (1724) iniziò nel territorio di Poggio Renatico la bonifica su larga scala e si costituirono le prime possessioni rurali. Intorno a esse, grazie al miglioramento delle condizioni idrauliche dell'area, si svilupperà l'abitato.
Nel recente passato le acque del Reno hanno invaso il paese ancora nel 1842 (13 settembre, rotta "Passerina", dal nome del fondo in cui avvenne, ricordata da una lapide nella residenza municipale), nel 1864, nel 1889, nel 1896, nel 1949 e nel 1951.